venerdì 27 settembre 2013

Man VS Food: Balzar Corp. Edition - Menù del giorno: Toriko (Balzar Corporation NOW)


Ci siamo gente! La fase "Balzar Corporation NOW" è alle porte, e siamo già nel vivo. Ora. NOW.
Grandi cambiamenti stanno arrivando, mentre altri sono già arrivati.
Il Canale Youtube finalmente ha il suo primo video, la mitica e mitologica sigla aziendale.
Come avrete notato guardando la sigla (perché l'AVETE guardata, vero?), non siamo soli
Non più. 
Non c'è più solo il Maestro Karin col suo minaccioso bastone, ad affiancarmi in questa grande avventura: Balzar Corporation cresce, così come cresce il suo sogno (conquistare il mondo), e con lei cresce la sua grande famiglia, i suoi dipendenti.
Quindi ecco che oltre all'Amministratore Delegato Ronflex (che sarei io) farà capolino anche l'indimenticabile El Bandiera (spalla nei video).
Ma l'avventura non finisce qui! Sempre più articolisti riempiranno le pagine del blog, a cominciare dal nostro nuovo acquisto Lance, che non avrà paura di dire anche cose impopolari, punti di vista inediti. Per la vostra gioia, per la rabbia di alcuni, per il sollazzo di altri.
Vi lascio dunque al primo articolo "Balzar Corp. Approved", sperando in una lunga e proficua collaborazione con Lance. 
Sperando rimanga vivo dopo che avrete letto questo post fino alla fine.


Heil Karin!




Agli albori della creazione di questo blog Ronflex aveva detto che non avrebbe mai parlato di Toriko (se non ve lo ricordate rinfrescatevi la memoria QUI); aveva detto che non l'avrebbe fatto nemmeno il giorno in cui L'Attacco dei Giganti sarebbe stato l'unico manga negli scaffali delle fumetterie, nemmeno il giorno in cui avremmo abbandonato One Piece per leggere Death Note come fosse la Bibbia...
Aspetta... no, questo non l'aveva detto.
In ogni caso...

Vedo già la paura nel suo cuore e la leggo nei vostri occhi.

Ebbene si, oggi parleremo di Toriko. TO-RI-KO. Forse i più furbi, lungimiranti e perspicaci di voi l'avevano già intuito...

Toriko è un manga tutt'ora in corso d'opera (ad oggi l'ultimo capitolo uscito in Giappone è il 250) di Mitsutoshi Shimabukuro un autore che... Beh, se volete saperlo vi ricordo che esiste Wikipedia oppure che "Google è il vostro migliore amico" (andate QUI se non ve lo ricordavate).

In generale questo manga segue benissimo le linee del classico shonen: i personaggi principali se le danno di santa ragione per motivi più o meno futili nobili, hanno dei mentori tremendamente più forti di loro e dei nemici ancora più potenti, ma tanto un giorno riusciranno ad essere ancora più forti e prenderanno a mazzate prima i maestri e poi i nemici villain (fa più figo).


La vostra faccia dopo questo SPOILER

Andiamo con ordine e parliamo un po' di tutti gli elementi che caratterizzano questo battle manga (anche questo fa figo!).


Disegni

Aprendo il fumetto per la prima volta il mio pensiero è stato "Toh, guarda, un nuovo Ken Il guerriero", sebbene debba ammettere di aver sì e no sfogliato qualche pagina di alcuni volumi a caso e guardato, forse, una decina di episodi del cartone animato (ebbene si ho detto cartone animato. CARTONE ANIMATO. Anime e cartoni animati sono la stessa cosa. Se non lo sapevate andate QUI) quando veniva mandato in onda su Italia 7 Gold.

Questo è stato ciò che ho pensato a prima vista perché lo stile dei personaggi o meglio, la loro caratterizzazione fisica, ricorda moltissimo i disegni di quel manga che, più o meno di altri, ha fatto la storia degli shonen: Toriko & Co. sono dei tipi grandi, grossi e super-pompati.

Personalmente non è che ami questo tipo di disegni però all'autore non si può muovere alcuna critica: tratto abbastanza pulito e definito, i combattimenti sono chiari, con una buona cinetica e si seguono senza problemi. 


Un bel pugnazzo!


Ambientazione e personaggi

Il primo capitolo di Toriko introduce piuttosto bene nel mondo di questo manga tramite un narratore esterno con, più o meno, le seguenti parole:

"Qualcuno un tempo disse che c'erano animali ricoperti per tutto il corpo da carne succosa che si scioglieva in bocca al solo contatto con la lingua.
Ci sono aragoste piene di polpa e granchi giganti la cui carne cresce anche all'esterno del guscio.
Ci sono nettari colorati di alta qualità e e brandy invecchiato che scorre in eterno dalla propria fonte.

Gli uomini sono affascinati da questi cibi e dai gusti a loro ancora sconosciuti.
Quest'epoca è l'Era del Gourmet: l'era della scoperta di sapori sconosciuti.
"

Tutta questa descrizione è, ovviamente, accompagnata da qualche pagina ricca dei disegni di tutte le "prelibatezze" descritte.

Si capisce quindi che, nel mondo di Toriko, l'umanità ha sviluppato una società facilmente raffrontabile alla società odierna e che il periodo in cui si svolgono le vicende è definito "Era del Gourmet": la cosa più importante al mondo è il cibo, che ormai ha persino più valore del denaro stesso.

E infatti, proseguendo con la storia, ci si accorge sempre più che il cibo è predominante (come se l'inizio non fosse già stato abbastanza chiaro.....): praticamente ogni sorta di pianta, erba, animale, addirittura pietra può essere una pietanza ricercata. Basti pensare che Toriko stesso vive in una casa fatta di dolci, in cui ogni singolo oggetto è commestibile, anche la tazza che usa per la colazione!

Per rendere ancor meglio l'idea pensate che, ad un certo punto del manga, c'è una scena in cui i personaggi capitano in una radura la cui erba è un pregiato tipo di insalata e per condirla prendono delle noci di cocco che contengono maionese; poche pagine più avanti per condire dei funghi viene usata della salsa di soia che cresce all'interno di un bubbone serbatoio sull'esoscheletro di una cavalletta!

In Toriko tutto è un'esagerazione e questo paesaggio di cibo costante, a parte mettere una gran fame se si legge lontano dai pasti, dopo un po' inizia ad essere ripetitivo e, soprattutto, ridicolo.


"GNAM! Questa cavalletta è meglio persino dei mie brufoli!"
Toriko & Co. mentre si ingozzano.


Parlando poi dei personaggi iniziamo da Toriko:
già dal primo capitolo appare più muscoloso di TrunkSuper Saiyan Dai San Dankai (in pratica quello dopato che è più forte di "Perfect Cell" ma le prende lo stesso. E pure di brutto), decisamente troppo forte e sa pure tutto di tutto tanto che, molto spesso, è lui a fornire spiegazione a noi lettori/altri personaggi che non sanno niente di niente.



Trunks dopo anni di allenamento
nella "Stanza dello Spirito 

del Tempo" (sopra)

Toriko all'inizio della storia (sotto)

Il suo sogno è quello di creare un Menù Completo con cibi introvabili e squisiti e il suo ruolo è quello di "Cacciatore di ingredienti". Quello che fa Toriko è, quindi, girare il mondo per poter assaggiare i cibi più assurdi e, proprio per poterci riuscire, deve essere tremendamente forte.

Le sue tecniche/armi, all'inizio della storia, consistono in Coltello (braccio destro) e Forchetta (braccio sinistro) che usa per trafiggere e tagliare i nemici. 
Un surplus di fantasia direte voi. E se non lo fate lo dico io per voi!



Altro che Kamehameha o Haki, eh?



Per controbilanciare la sua forza cosa si fa?
Gli si affianca il classico nanetto buono a nulla ma che poi in realtà si scopre avere un mostruoso talento (da Chef): questo è Komatsu, che conosce Toriko più o meno per caso e che decide di seguirlo diventando poi il suo "partner".


Classica espressione intelligente dei due protagonisti




Continuando con la storia vengono introdotti moltissimi altri personaggi tra Chef, Cacciatori, "Protettori" di Ingredienti e altri ancora; per la maggior parte tutti ben caratterizzati e alcuni più interessanti di altri.
Non sto qui ad elencarli e descriverli uno ad uno, se volete saperne di più leggete il manga!

Dopo avervi introdotto al mondo e ai personaggi di Toriko (giusto quel poco che basta per riuscire ad orientarsi) passiamo ora alla parte più interessante!!


Storia, scelte narrative, opinioni e..... Hunter X Hunter

Perché qui sopra c'è scritto "Hunter X Hunter" (noto manga di Yoshihiro Togashi)?
Potrei rispondervi subito oppure potrei non farlo, far crescere la suspance e, di conseguenza, il vostro interesse.
Infatti...
No, dai. Oggi mi sento buono.


La mia faccia prima, durante e dopo questa simpatica burla


Se vi ricordate bene, durante la saga della selezione degli Hunter (primo arco narrativo dell'opera), si scopre che tra i vari tipi di cacciatori esistono i Buongustai: persone qualificate che girano il mondo alla ricerca dei cibi più prelibati e preziosi.
Oh, cavoletti! Coincide proprio con la descrizione del ruolo di Toriko e co. nella storia!

"Cavoletti!!" Finn



Viene quindi spontaneo domandarsi come un manga possa basarsi solamente su di un briciolo di idea nascosta in un altro manga.

Personalmente, poi, ho trovato altre somiglianze con Hunter X Hunter. 
Vuoi perché li ho letti entrambi dall'inizio alla "fine" con un distanza relativamente breve tra uno e l'altro, vuoi perché quando due cose presentano delle somiglianze risulta, forse, più facile scovarne di altre.

Partiamo dalla narrazione utilizzata.
In entrambi compaiono, più o meno spesso, delle didascalie che esprimono i pensieri del personaggio "protagonista" del dato evento: pensieri che si sviluppano in poche pagine o si prolungano, anche, per qualche capitolo.
Sarà per motivi di traduzione ma, a  me, il modo in cui vengono raccontati questi pensieri (spesso sono casi di combattimenti, forte pericolo o comunque grande tensione) pare decisamente simile.


Hunter X Hunter (sinistra) / Toriko (destra)



Altro aspetto in comune è la scelta dei Villain: in Toriko, come in Hunter X Hunter, i personaggi si trovano contro avversari tremendamente più forti di loro, con i quali non hanno nessuna speranza di vittoria.

Perlomeno questo fatto, in HxH, è gestito abbastanza bene nonostante rimanga ugualmente il dubbio del perché (sempre riferendomi alla saga delle Formichimire), tra le centinaia di hunter qualificati e preparati, vengano scelti due bambini (Killua e Gon) e pochi altri per affiancare il presidente dell'associazione (non un tizio a caso eh!), Netero, e sgominare la minaccia incombente.

Riguardo Toriko, invece, non ci si capacita di come i protagonisti possano mai arrivare ad un livello del genere: il divario, per come ci viene presentato, è abissale, incolmabile. Però si sa che, in un modo o nell'altro, ce la faranno. Tanto non è Shaman King.


Pescetti che spoiler!
Tranquilli, siamo solo a metà manga (volume 17)


Dopo aver letto questo articolo vi chiederete, allora, perché leggere Toriko.

PERCHE'?!?!?!?!


Eppure, nonostante i difetti che vi ho elencato sopra, è un manga che "prende": la storia si fa sempre più interessante, non si riesce bene a capire dove l'autore vuoglia arrivare, fino a che punto si spingerà lo sviluppo degli eventi e quali nuovi fatti e antefatti, al momento celati, verranno poi rivelati.

A tutto questo aggiungete una buona dose di personaggi carismatici, molti dal ruolo ambiguo o coperto dal mistero, alcuni classici e altri ancora completamente sopra le righe e fuori dagli schemi.

I combattimenti (non dimentichiamoci che è un shonen!) sono ottimi: intensi, con bei power-up, non sempre scontati e, alle volte, si viene piacevolmente sorpresi da gag spassose.

E per finire condite (condite, ah ah, capito? Toriko, condire? Ok...) il tutto con dei disegni che diventano sempre più puliti e precisi, lo stile può piacere o meno, ma, oggettivamente, i disegni sono ottimi e accompagnano alla perfezione il clima creato dall'autore.

Non è un manga che mi ha fatto emozionare come altri però riesce ad intrattenere bene, soprattutto chi ha voglia di leggere un classico shonen con molte mazzate e poche pretese.
Non dimentichiamoci che l'aspetto emotivo è prettamente personale: prendiamo, per esempio, Fairy Tail: c'è chi, leggendolo, riesce a provare forti emozioni e chi, invece, lo reputa semplicemente insipido e banale... questione di gusti.

O no?

In conclusione Toriko si può reputare un buon manga che sa intrattenere e trattenere gli amanti del genere magnificamente.
Se consiglio la lettura? Direi proprio di sì, specie nel povero panorama moderno.





5 commenti:

  1. Io mi sono arreso dal leggerlo dopo aver letto per l'ennesima volta il cuoco elogiare Toriko
    "Oooh incredibile, riesce a fare la cacca mentre dice l'alfabeto al contrario!!"
    "Oooh incredibile, riesce a toccarsi il gomito con la lingua!!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ti manca quando ci saranno anche altri ad elogiare Toriko. E altri ad elogiare il cuoco xD

      Elimina
    2. E io ad elogiare me stesso.

      Elimina
  2. Concordo appieno. Non m'importa dei difetti, l'importante è che mi abbia fatto capire subito la sua tamarrosità. E' tamarro e rimarrà tamarro. Al contrario di altri che non lo sono, ma, ahimé, lo diventano. Nonostante l'apparente novità, accostata ad un'apparente banalità, riesce comunque a prenderti.
    Comunque, la descrizione dei cibi a me fa impazzire. Riesce a rendere l'idea perfettamente, facendomeli preferire quasi a quelli reali XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per la descrizione dei cibi è proprio vero! Mette una fame...

      Elimina