giovedì 1 agosto 2013

Due fatti Disney: Panini compra Topolino & Ho finito la 313 Extreme!


*DISCLAIMER: QUESTO ARTICOLO È STATO PENSATO PER ESSERE PUBBLICATO IERI, QUANDO ANCORA NON ERA SALTATA FUORI QUESTA NOTIZIA: IN SOSTANZA C'È STATO UN RETROMARCIA IN MERITO AL TRASFERIMENTO DA MILANO A MODENA, COME TUTTI AUSPICAVAMO. LEGGETE DUNQUE L'ARTICOLO CON LA CONSAPEVOLEZZA CHE QUEL DETERMINATO PASSAGGIO È GIÀ OBSOLETO

Probabilmente, leggendo questo articolo riguardo alla cultura presente in Topolino o questa breve celebrazione di Topolino 3000 avrete capito che qui alla Balzar Corporation siamo grandi amanti del fumetto Disney.
Non potevamo quindi esimerci dal commentare la recente vicenda che sta sconvolgendo il mondo dell'editoria a fumetti: TOPOLINO PASSA ALLA PANINI.
Avete capito bene.
Dopo i rumor, le smentite, le trattative, ecco che la notizia è diventata infine ufficiale e ha invaso i rotocalchi del Bel Paese (palesando una manifesta ignoranza di moltissimi giornalisti convinti che Panini si occupasse solo di figurine dei calciatori).

Leo aveva capito tutto già da mesi.

Ne parlano gli appassionati, ne parlano i giornalisti, ne parlano gli autori, ma soprattutto ne parlano i 22 dipendenti di Disney Italia che stanno vivendo ore decisamente poco piacevoli: Panini sarebbe infatti fermamente intenzionata a trasferire la loro sede lavorativa da Milano a Modena
Ed è, ovviamente, guerra sindacale a colpi di scioperi e proteste, una guerra che noi di Balzar Corporation (che, al contrario di Disney e Panini, abbiamo a cuore i nostri dipendenti) ci sentiamo di appoggiare in pieno: per un trasferimento dalla dubbia utilità si mettono in crisi tutti i legami familiari di una ventina di nuclei, e scusate se è poco.

Non è esattamente dietro l'angolo.

Vedremo come si risolverà questa vicenda sindacale e sicuramente ne parleremo ancora.

E ora veniamo a speculare su ciò che potrebbe interessare NOI lettori...
Chi mi conosce sa che non sono un grande fan dell'editore modenese per via della qualità altalenante delle sue testate: abbiamo roba fatta BENISSIMO come la recente ristampa di Ken il Guerriero e volumi che si disintegrano nelle mani come quelli de L'Attacco dei Giganti.
Essendo Topolino un prodotto di largo consumo per i "non addetti ai lavori", mi vien da pensare che si terrà conto di una discreta resistenza degli albi per non far frignare migliaia di bambini. Giustamente.
Quindi anche se è presto per parlare di qualità costruttiva, sono abbastanza fiducioso.

Un possibile scenario.

A livello di prezzo non riesco a immaginare cosa succederà, dato che ci sono in ballo troppi fattori, ma ovviamente spero che si manterranno gli attuali 2,40 Euro.
E per quanto riguarda le politiche editoriali... è troppo presto per fare ipotesi riguardo a libertà creativa e cose simili, ma probabilmente avremo finalmente prodotti Disney di pregio in fumetteria.
Mi vengono in mente brossurati stile 100% Comics con le migliori storie del passato.
TuttoBarks o simili a prezzi umani.
Spillati innovativi come quelli dell'era PK.
Solo sogni e speranze? Forse, ma sognare è gratis.

Che sia la volta buona?
Un volumozzo con tutta la Saga, capitoli extra inclusi?

Una cosa è certa, e non è bella: se Disney è stata costretta a vendere non se la passa bene, in Italia.
Brutto affare, nonché un'ulteriore dimostrazione del fatto che i bambini di oggi (mortacci loro) preferiscono fare altro piuttosto che leggere.

I bambini d'oggi.

Tirando le somme, vedo più positivamente o negativamente questa faccenda? Sinceramente, l'ago della mia bliancia punta più verso il pessimismo
Nonostante alcune cose un po' stonate, ero piuttosto soddisfatto dell'andamento attuale di Disney Italia. Questo salto nel vuoto può portare grandissimi cambiamenti sia in bene che in male, ma quella che ci lasciamo alle spalle è comunque una buona gestione.
E si sa che:

MASSIMA DEL GIORNO
"Chi lascia la strada vecchia per la nuova sa quel che lascia e non sa quel che trova"

Dietro, una buona gestione.
Davanti, Panini e le sue mille incognite.

Parlando di cose più serie, ho finalmente completato la 313 Extreme di Paperinik, ed è una figata galattica!

Le proporzioni non contano.




Heil Karin!















2 commenti:

  1. ho i tuoi stessi dubbi!!!!
    Io sono abbonato ormai da 20 anni al TOPO (dal numero 2000 in avanti li ho tutti) e questo passaggio un po' mi "terrorizza" per 2 punti che hai esplicato: prezzo e qualita' della stampa!
    Se sul prezzo un eventuale aumento del prezzo mi infastidirebbe, ma lo digeriro' cmq bene,
    un'eccessiva diminuzione della qualita' dei volumi mi darebbe parecchio da fare, perche' mi si rovinerebbe la collezione (speriamo che non modifichino nulla dell'editing)..
    E NON LO POSSO ACCETTARE!!!!!!!!!!!!!!!
    (ho addirittura fatto fare un mobile libreria APPOSITO per mettere in bella mostra i miei albi) :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io da amante dei fumetti in generale ho una corposa libreria dedicata ai soli fumetti e, come te, mi auguro che non cambi nulla a livello di stampa, ma ci credo poco. Hai in mente il cambio Mondadori-Disney? Ecco.

      Elimina