martedì 23 luglio 2013

Briefing Aziendale N.3: Com'è andato il Rimini Comix? Cronache di una bella fiera e di un Coconuts vergognoso.


I più attenti di voi, quelli che frequentano il blog e hanno una capacità di lettura almeno ai livelli della seconda elementare, avranno notato, leggendo questo post, che ho passato il fine settimana alla fiera del fumetto di Rimini.

Come sono andati questi due giorni di fiera?
Cos'ho comprato?
Che cosplay c'erano?
Chi ha inventato gli alberi?
Queste e altre domande troveranno risposta nel nostro terzo Briefing Aziendale!

Non bisogna far sapere certe cose al Maestro Karin.

1) Gli Stand

Gli stand.

Dal punto di vista dell'aspetto puramente fieristico, Rimini Comix è stata un'autentica rivelazione. Mi aspettavo che fosse molto meno estesa, invece sono stato piacevolmente colpito dalla presenza di numerosi stand con una grande varietà di merce: fumetti (grazi'ar cazzo), gadget, giocattoli vintage, collezionabili, retrogaming, capi d'abbigliamento lolita, steampunk ecc... pollice in su dunque per un aspetto sul quale non ho nulla da ridire, anzi: Rimini Comix è un'ottima fiera, estesa quanto basta, e la sua vicinanza al mare durante il periodo estivo è un ulteriore incentivo per decidere di buttarci un occhio.
Ecco una breve gallery fotografica (clicca per ingrandire):












Anche il fumettaro di Urbino, il prode Andrea, era presente col suo stand.
Qui lo vediamo mentre si trastulla con una giovine signorina dalle fattezze angeliche (me).
Magari visitate la pagina Facebook della sua fumetteria, La Tana dello Shinigami.
È simpatico, ha della roba buona, merita i vostri soldi.
Anche se gli piace Naruto.


Erezione in 3, 2, 1... naaah.

A onor del vero non ho fatto grandi acquisti a questa fiera perché mi ero ripromesso di spendere poco, tuttavia ho conseguito qualche importante risultato:

- Con l'acquisto di PKNA #9 e #15 e PK Reloaded #0, ho finalmente completamente COMPLETATO tutto PK;
- Ho trovato il terzo numero di Twisted Toyfare Theatre! Se non sapete cos'è... MALE! Ma ne riparleremo...
- Ho preso un cappello di paglia decente per il mio "cosplay" di Rufy;
- Ho trovato un peluche e un pupazzetto del mitico Maestro Karin, dittatore sponsor di Balzar Corporation. E chissà che non facciano capolino in qualche video di qualche canale a caso...

Poca roba ma buona.
Il Maestro Karin è completamente a suo agio
con i suoi amici di vecchia data Batman, Iron Man e Darth Fener.
(Clicca per ingrandire)

2) Il lato cosplay

Il meglio del meglio.
(Immagine presa da Partito Nerd Italiano)

Anche il lato cosplay è stato molto piacevole, non che fosse difficile. Ci metti tante cosplayer fighe, qualche genio che fa schiantare dal ridere con un costume divertente e hai fatto una buona fiera. 
Lo specifico qui una volta per tutte, dato che da ciò che dico spesso in giro si può fraintendere la mia posizione in merito:

Il cosplay MI PIACE, io stesso sono un "cosplayer amatoriale".

Il problema vero, ciò che NON mi piace del cosplay, è che da semplice omaggio nei confronti di un personaggio o di un'opera che si ama, per molti diventa il perno centrale di una fiera del fumetto.
Ormai c'è gente che va a Lucca solo per fare/vedere cosplay, ci spende una vagonata di soldi in parrucche e simili e alla fine non compra manco più fumetti, film, cartoni e videogiochi da cui quei cosplay sono tratti.
Spesso e volentieri un costume non viene scelto per un reale amore nei confronti di un personaggio, ma solo perché è esteticamente figo.
Quando cosplayer e giappominkia coincidono, poi, vi lascio immaginare la stima che ho di questi figuri.
Per il resto il cosplay è figo, mi piace vedere costumi ben fatti, mi piace ridere di gusto coi cosplay divertenti, mi piace guardare le belle cosplayer e quando vado ad una fiera del fumetto dedico una discreta parte del mio tempo a fare foto e ad essere fotografato. Nuff Said.
Io e la first lady di Balzar Corporation abbiamo interpretato, rispettivamente:
- Sabato: Studentessa Giapponese / Harley Quinn (Arkham Asylum);
- Domenica: Rufy (post time skip) / Perona (post time skip).

Ecco qualche foto di alcuni cosplay degni di menzione (clicca per ingrandire):

Flavio torna a colpire col suo amabile
cosplay di Luchia Nanami (Mermaid Melody).

Il nostro cosplay del sabato. (1)

Il nostro cosplay del sabato. (2)

Epico.

Ma è Herbert Ballerina?

Cazzutissimi.

Che gioia questi cosplay originali!

Ammazzatelo!!! Svelti!
Ok, Ace mi sta un po' antipatico...
Il vero motivo per cui noi maschietti
andiamo a questi eventi cosplay.

Qualcuno mi sa dire da dove è tratta la tipa?
Mi piace proprio come look.

Un cosplay di Shaman King! PER FORTUNA!

Quanto sono sexy? (parte 1)

Quanto sono sexy? (parte 2)


Una ragazza del nostro gruppetto vestita da cinesina.
Bellissimo vestito!

Cosplay vari di Bleach.
Notare il Maestro Karin.

Molti cosplayer si son messi nella fontana.

Un cosplay da Nadia, uno
dei miei anime preferiti?
Approvo!

Altalena!!!

Quanto sono sexy? (parte 3)

Il nostro cosplay della domenica.

Riguardo al cosplay contest... non so, non avevo voglia di star lì a guardarlo, ho girato per la fiera.

3) Giorgio Vanni in concerto

WTF is this shit?

Premessa: ho fatto una VALANGA di foto e video a Giorgio Vanni sul palco, ma la mia macchina fotografica scassona unita al mio parkinson precoce (?) le ha fatte risultare più o meno tutte come quella che vedete qua sopra.
Poco male, perché l'importante è che sappiate una cosa:
il concerto mi è piaciuto da morire, è stato sicuramente l'evento che mi ha gasato di più in tutta la fiera.

Vi giuro che ha ripetuto cose di questo tipo un migliaio di volte.

Dovete sapere che io ADORO Giorgio Vanni: fin da piccolo canto tutte le sue sigle a squarciagola, le imparo a memoria, le amo. Anche ora che ho 21 anni le metto a palla in macchina quando guido.
Ho passato TUTTA e dico TUTTA la sera a cantare e saltare urlando, tipo belieber.

Io al concerto di Giorgio Vanni.

In piazza era presente un pubblico dalle età più disparate: c'erano miei coetanei cresciuti con le canzoni di Italia 1, c'erano bambini, c'erano adulti molto in là con gli anni... era molto curioso guardarsi intorno e vedere che tipo di persone assistevano al concerto.

Due bimbi che aspettavano la canzone di Beyblade.

L'unico momento veramente WTF? è stato quando I Figli di Goku (il gruppo che suona con Giorgio) ha lasciato temporaneamente il palco ed è salito Max Longhi (autore di molte sigle cantate dal Vanni nazionale) con un set da DJ a fare una specie di mashup / remix di sigle e canzoni normali (tipo Scream and Shout).
Momento, dal mio punto di vista, veramente fuori luogo che fortunatamente è durato poco.
Non avendo video di qualità, vi rimando a questo trovato su Youtube per darvi un'idea della serata:




Questo concerto non è stato l'unico evento sul palco, sono salite in scena anche un gruppo di ragazze chiamate Shiki, 4 giovani italiane che cantano principalmente cover di canzoni giapponesi vestendosi nello stile delle idol
Sinceramente non ho apprezzato particolarmente la loro esibizione, ma i gusti son gusti. 
Visitate la loro pagina Facebook Shiki Project per saperne di più: credo che molti di voi potrebbero gradire, a differenza mia.

Perché le loro foto son venute bene e quelle di Giorgio no?!?
Comunque bei vestiti.

Dopo il concerto di Vanni c'è stata una sessione di autografi e fotografie per cui, ovviamente, mi son messo in fila anch'io. Quando mi mancavano due o tre persone per arrivare al bachetto, Giorgio mi ha guardato e ha urlato qualcosa del tipo "MA TE SEI UN UOMO! AHAHAHAHAHAHA!!!".
Direi che si ricorderà a lungo di me. Ecco la nostra foto insieme:

Anche a Giorgio Vanni piace Balzar Corporation.

E il CD di Pokémon con dedica a "Ronflex":

Yeah.

4) Le serate musicali.

Più o meno.

Come ebbi modo di dirvi nello scorso articolo, uno dei motivi principali per cui sono andato al Rimini Comix era la serata a base di musica giapponese del Coconuts organizzata da BHC.
Ebbene, cosa non è successo! Questa è la parte più interessante dell'articolo, vi avviso.

In sostanza il programma sul sito ufficiale recitava che, sabato:
- Il Coconuts avrebbe messo a disposizione tutta la zona del giardino per l'evento;
- L'ingresso sarebbe costato 10 Euro;
- Ci sarebbero stati dei gadget omaggio;
- Ci sarebbe stata musica giapponese e quant'altro;
- Avrebbero suonato ancora le Shiki.

Indovinate quante di queste cose sono successe? Zero.

Per una serie di motivi, ritardi e intrecci che fatico a ricostruire e di cui sinceramente mi frega poco (gestione del locale, organizzatori ecc... danno ognuno la propria versione: computer rubati, telefonate senza risposta, malattie...) la serata è stata annullata. E non solo!
Nessuno e dico NESSUNO del locale, fra cassieri, bodyguard ecc... era stato informato della cosa, e nemmeno glien'è fregato niente quando una cappa di persone venute lì apposta per l'evento giapponese si è presentata al loro cospetto pretendendo, giustamente, di andarsene senza scucire un centesimo.
Con enorme maleducazione, toni strafottenti e fare spocchioso non han fatto altro che ripetere che a loro non fregava niente, che funzionava così e che dovevamo tirare fuori 12 Euro a cranio (non 10) per uscire dal locale.
La maggior parte dei cosplayer ha effettivamente pagato per andarsene, e lo capisco benissimo: molti erano ragazzini (anche minorenni) non abituati a posti del genere, senza nessun riferimento, in mezzo ad una bolgia di persone lì per altre serate di altro tipo (quindi tanti ubriachi e tanti drogati) e praticamente minacciati da degli armadi ambulanti quali erano i bodyguard del locale. 

Il livello intellettuale del personale del Coconuts.

Io, che sono testardo, ero pronto a mettere in mezzo i carabinieri per essere stato trattenuto in un posto contro la mia volontà e ho scagnarato con tutto il personale finché l'unico addetto alla sicurezza gentile mi ha indicato la moglie del proprietario alla quale ho spiegato l'accaduto e che mi ha fatto accompagnare fuori (ovviamente senza pagare).

Ma gli altri? Gli altri si sono dovuti attaccare al tram, in sostanza.
E ora su Facebook, sui forum e in altri lidi sto cercando di chiedere chiarimenti in merito direttamente agli organizzatori: vi terrò aggiornati.
Per ora hanno solo pubblicato un post di giustificazioni dicendo che il giorno dopo hanno cercato di "risarcire" i malcapitati concedendo l'accesso gratuito al guardaroba e altre cose del genere
È lodevole che si stia smuovendo qualcosa, ma di certo non basta:.
In primo luogo solo una parte delle "vittime" è rimasta anche domenica, e sicuramente non tutti necessitavano di un guardaroba.
In secondo luogo non è possibile che un evento così grosso salti per via di un malore o di un'oretta di ritardo col programma, sarebbe bastata una telefonata fra lo staff del locale e l'organizzazione per risolvere il tutto.
Come ciliegina sulla torta, perfino le Shiki, che erano lì per esibirsi, han dovuto pagare!


MASSIMA DEL GIORNO
"Quando organizzi un evento di grandi proporzioni devi aver pronto non solo un piano B per eventuali inconvenienti, ma anche un C, un D e così via."

La presenza di Yoda contribuisce
ad aumentare l'impatto di questa grande verità.

Un episodio vergognoso per il quale vi invito a stare alla larga dal Coconuts e di prestare la dovuta attenzione ai futuri eventi organizzati da BHC.

Bocciatissimo, Coconuts. BOCCIATISSIMO.

Ma la storia non finisce qui.
Carichi di nervoso per l'accaduto, insoddisfazione per la serata mancata e voglia di vendetta, ci siamo diretti all'ALTRA serata "concorrente", l'Anime Night organizzato all'Io Club con DJ Mishi
Fino all'ultimo mi son ritrovato indeciso fra i due eventi, ma tenendo conto che:
- Il Coconuts era più grande;
- Costava di meno;
- Era l'evento ufficiale legato a Rimini Comix;
- Era all'aperto;
- Era più vicino alla fiera;
- Un sacco di miei amici che frequentano Rimini mi hanno detto che era meglio dell'altro posto.
Ho optato per questo stramaledetto Coconuts: non l'avessi mai fatto.
Per fortuna poi siamo andati "di là".

Anche il volantino era invitante, perché ho scelto male?

E finalmente abbiamo trovato ciò che cercavamo: una discoteca accogliente, tanto J-Pop, tanto J-Rock, tante opening degli anime sia originali che italiane e uno spruzzo di musica più "normale" (che avrei evitato per una serata così di nicchia, ma che alla fin fine ci sta).
Purtroppo sulla loro pagina non hanno ancora pubblicato le foto ufficiali della serata, perché avrei voluto farvi vedere qualcosa in più delle mie foto scarsissime, ma per ora accontentatevi di queste (clicca per ingrandire):









 In sostanza, mi è piaciuta quest'altra serata? Sì, e sicuramente l'anno prossimo tornerò da loro.


Disavventure, caldo infernale, scarpe strettissime (un paio di ballerine di un paio di numeri di piede in meno del mio) bei momenti, ottima fiera, tanto cosplay, tanto divertimento...
Com'è il bilancio finale di questo briefing?
Per quel che mi riguarda, tirando le somme, direi decisamente positivo.
L'anno prossimo consiglio a tutti di tornare al Rimini Comix, magari prestando attenzione prima di lanciarsi a capofitto in una discoteca del cavolo.
Specie se siete minorenni.
E mi auguro che la prossima volta quelli del BHC si organizzino meglio.




Heil Karin!




Usuali note di fine articolo?
Clicca qui e inizia a tremare.













































6 commenti:

  1. Quest'articolo dev'essere stata una cosa titanica da scrivere D: Apprezzo, apprezzo. Molto interessante, come sempre!
    P.S. grande per la testardaggine dimostrata: mi sarei comportato esattamente così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'apprezzamento e sì, è stata una roba micidiale! XD
      Pensavo di spezzarlo in 2, ma poi mi son messo giù e l'ho finito...
      E sì, se possibile evito di farmi prendere per il culo.

      Elimina
  2. Quanto sei bella...ahem, bello. Vabbè.

    Sull'evento annullato capisco l'inculata. Io andai al Lucca di 2 anni fa esclusivamente perchè annunciarono come super ospite Yoichi Takahashi tutti e 5 i giorni, con 5 giorni di sessioni di disegni e autografi.
    Tutte balle: fecero una sola sessione di autografi. Naturalmente il giorno in cui dovevo ripartire per casa.
    FUCK!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche te sei bellissima, non mi scordo mica quel fatidico One Piece Report... XD

      In ogni caso il problema è che qui, ora, c'è un sacco di gente che ha speso 12 Euro per niente. Sto rompendo un po' le palle sia all'organizzazione sia al locale, ma in sostanza gli uni danno la colpa agli altri e viceversa. OVVIAMENTE.
      E, altrettanto ovviamente, non vogliono chiarirsi PUBBLICAMENTE fra di loro.
      Di sicuro scriverò ancora di questa cosa.

      Elimina
  3. il personaggio interpretato dalla ragazza in spiaggia è tratto da Aquarion Evol ! ; )

    Ai-doll *non sono dal mio pc*

    RispondiElimina